Sono migliaia in queste settimane gli studenti non ammessi alle facoltà con sbarramento. Da Medicina fino ad Architettura, gli esclusi devono rivedere i loro programmi di vita del prossimo anno.


L’obiettivo di molti studenti dopo la maturità è il medesimo: superare il test d’ingresso a qualsiasi costo, per essere ammessi all’università dei propri sogni e realizzare i desideri di carriera futura. E se tutti gli sforzi, tutto l’impegno e lo studio non portano al risultato sperato?

Sono migliaia gli studenti che, anche quest’anno, sono rimasti chiusi fuori dalla porta di facoltà come Medicina, Professioni Sanitarie, Ingegneria, Economia, Architettura. Per pochi punti, per qualche errore che si poteva benissimo evitare, per sbagli commessi in preda all’ansia, per non aver risposto a quelle “assurde domande di logica”.

Delusione e scoraggiamento. Come minimo un anno perso. La possibilità di frequentare l’università desiderata svanisce in un solo colpo. E allora che fare? Cambiare strada? Andare all’estero? Prendersi un anno sabbatico all’americana o frequentare una facoltà affine per riprovare il prossimo anno, cercando anche di farsi riconoscere qualche esame?

I consigli di Matemagia!

Il primo suggerimento, che può sembrare scontato ma è fondamentale, è quello di non abbattersi! Purtroppo l’esclusione dal test d’ingresso all’università è un intoppo che tutti vorrebbero evitare, per proseguire in modo lineare il proprio percorso scolastico e inseguire i propri sogni di carriera.

Ma non essere ammessi, non significa dover rinunciare!

Se il desiderio di diventare medico o architetto è forte e non intendi metterlo da parte, puoi ripetere il test d’ammissione e far in modo di ribaltare il risultato.

  • Innanzitutto prendi in considerazione i motivi per i quali non sei stato ammesso: riconoscere i propri errori e comprendere i propri limiti è il primo passo per superarli! Ansia, distrazione, scarsa preparazione, quell’argomento dato per scontato, le domande che ti hanno messo in difficoltà.
  • Non perdere la giusta motivazione! Non è il momento di abbattersi e lasciar perdere, ma è utile cominciare fin da subito ad organizzare il tempo a disposizione. Il fatto di dover aspettare molto prima di avere la possibilità di ritentare il test è positivo: avrai la possibilità di prepararti al meglio, approfondendo gli argomenti e recuperando le lacune che non hai avuto modo di affrontare in precedenza. Il rischio è quello di lasciar passare troppo tempo: una tabella di marcia può essere utile per quantificare il tempo ed organizzarlo in modo funzionale.
  • Il metodo fa la differenza: ogni test d’ingresso ha le sue specifiche caratteristiche e peculiarità, per questo è importante familiarizzare il più possibile con la struttura della prova ed esercitarsi in modo costante. Logica, comprensione del testo, domande di inglese e quesiti di matematica: ogni aspetto deve essere affrontato seguendo un metodo specifico e approfondendo le materie nelle quali sono maggiori le difficoltà. Anche il materiale utilizzato per studio ed esercizi è fondamentale: i manuali delle superiori decisamente sono insufficienti!

Se sei deciso a riprovare, dunque, rivolgiti a Matemagia e comincia prima possibile il tuo percorso per prepararti a sostenere il test d’ingresso!

Con i nostri docenti, altamente qualificati e selezionati, è possibile definire un piano di lavoro congiunto in base alle tue attitudini e al tuo livello, oltre ad organizzare un calendario didattico preciso, basato sia sulle esigenze di studio che di vita privata, in modo tale da ottimizzare i tempi e poter curare ogni dettaglio. Le lezioni sono costruite con materiale specifico accuratamente ricercato e selezionato fra l’ampia biografia dei libri in preparazione dei test e il nostro metodo, basato anche su tecniche specifiche di comprensione logica e verbale dei quesiti, ti sarà utile per imparare ad analizzare e risolvere i quesiti.

 

Non rinunciare all’Università dei tuoi sogni!

 Contattaci direttamente ai numeri 051 0546959 e 328 7549970